Arriva il nuovo spesometro per il 2017 – Fatture e liquidazioni Iva da comunicare. Chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate

Novità in arrivo sul versante fiscale, con un nuovo importante adempi-mento entrato in vigore nel 2017, che prevede l’obbligo di comunicazione all’Agenzia delle entrate, per via telematica, dei dati delle fatture emesse e ricevute, oltre che di tutte le liquidazioni Iva. La norma stabilisce che, a cadenza semestrale, vengano inviati per ogni fattura emessa (fatture di vendita) e ricevuta (fatture di acquisto) i seguenti dati: dati identificativi dei soggetti (chi emette e chi riceve la fattura), data e numero della fattura stessa, base imponibile, aliquota Iva applicata, Iva e tipologia dell’operazione. Per quest’anno le scadenze sono fissate al 16 settembre (essendo un sabato, si slitta al 18 settembre) per il primo semestre, e al 28 febbraio 2018 per il secondo semestre. Oltre a dover trasmettere i dati delle fatture, introdotto anche l’obbligo di comunicazione, sempre all’Agenzia delle entrate, con cadenza trimestrale, del risultato delle liquidazioni periodiche, ovvero quelle operazioni in cui dall’Iva incassata si portano in detrazione le spese se si è in regime ordinario, spese altrimenti detraibili forfettariamente per chi opera nel regi-me speciale dei produttori agricoli. Questa operazione è obbligatoria anche per chi non versa Iva (prodotti la cui aliquota è uguale alla percentuale di compensazione). Anche qui, in caso di sforamento dei tempi, sono previste sanzioni molto pesanti. In caso di errata comunicazione delle liquidazioni Iva infatti, verrà applicata una multa con importo compreso tra un minimo di 500 euro e un massimo di 2.000 euro (cifra ridotta della metà in caso di correzione entro quindici giorni).

Chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate: https://www.confagricolturacosenza.it/wp-content/uploads/risoluzionedichiarazioneiva06_3_20173.pdf

Lascia un commento